SEGUITEMI SU TWITTER

Cerca nel blog

lunedì 30 novembre 2009


Prima volevano “metterlo nel cesso”, il “tricolore” ( 1997). Dichiaravano: “quando vedo il tricolore mi incazzo, il tricolore lo uso per pulirmi il culo” ( 2007). Per questo Bossi subì una condanna a un anno e quattro mesi con la
condizionale. ancor prima cantavano “noi che siamo padani, abbiamo un sogno nel cuore, b...ruciare il tricolore” ( 2000). Oggi
i leghisti riconoscono alla bandiera
italiana il ruolo di depositaria dell’identità e dei valori nazionali.
Al punto di volerci aggiungere il simbolo per eccellenza
dell’italianità: il crocefisso.

sabato 28 novembre 2009




Giudicare rei e reati è giurisdizione non politica. La Magistratura fa questo, giudica se ci sono reati. La politica la fanno il Parlamento e il Governo. Smettetela di confondere le cose. Qui abbiamo un Governo che pretende di giudicare lui chi è colpevole e chi no!

domenica 22 novembre 2009



22 novembre 2009 alle 09:48
Il comitato “TARANTO FUTURA” nello stigmatizzare ilcomportamento e le affermazioni del patron Riva non ritiene nemmeno di commentare il tentaivo del sedicente dirigente (?) Archinà che ha tentato con una maldestra aggressione di tacitare il giornalista mentre si vede...va che Riva non aveva altro che chiedere aiuto per liberarsi di una scomoda posizione. Infatti per la su logica sul profitto non ha argomenti pe rdifendersi se non facendosi aiutare dai suoi complici per arginare ogni occasione problematica nella quale viene chiamato a rispondere. Lo Stato con la esse maiuscola dovrebbe prendere la decisione di considerare il problema Taranto come un problema nazionale. Ma da quest’orecchio i politici non intendono ascoltare le grida e i lamenti dei tarantini . Una vergogna nazionale.
dice Riva che non può parlare, speriamo non abbia un tumore alla gola! :)

sabato 21 novembre 2009

giovedì 19 novembre 2009

domenica 15 novembre 2009

sabato 14 novembre 2009

giovedì 12 novembre 2009

martedì 10 novembre 2009

sabato 7 novembre 2009

venerdì 6 novembre 2009

giovedì 5 novembre 2009

INTERVISTA



Al vignettista Nico Pillinini il Premio Satira Politica di Forte dei Marmi
By radio popolare salento • nov 4th, 2009 • Category: Cultura e Spettacolo, IN PRIMA

A Nico Pillinini è stato assegnato il XXXVII Premio Satira Politica Forte dei Marmi con la seguente motivazione: “Viene dalla Puglia come l’ultima ondata di affaristi e di escort, ma Nico Pillinini non ha alcuna frequentazione con il Potere, da giornalista satirico che alla penna ha preferito la matita. La sua è satira con il senso dell’avvenimento e del paradosso che ha popolato in questi anni tanti giornali e settimanali, da La Gazzetta del Mezzogiorno al Satirycon, a Tango e tanti altri. Un segno nitido e classico quello che usa per le sue vignette, dove non disdegna nemmeno l’uso di immagini a mo’ di collage satirico in omaggio alla sua radice e al suo gusto di pittore”.
Ascolta l'intervista di Marcello Galati a Nico Pillinini [8:06m]
http://www.radiopopolaresalento.it/