SEGUITEMI SU TWITTER

Cerca nel blog

mercoledì 6 aprile 2011

PER CORTESIA POTREI CONFIDARE SULL'AIUTO DI UN AMICO/AMICA CHE SAPPIA TRADURRE QUESTO TESTO IN ITALIANO' A BUON RENDERE, GRAZIE COMUNQUE PER L'ATTENZIONE.♥

1 commento:

Riverinflood ha detto...

«Noi Rumeni Lavoriamo Duramente», Discorsi Egemonici e il Senso Comune di un Gruppo di Immigrati a Bologna.
Sulla base dell'osservazione attiva in un cantiere edile e di una quarantina di interviste approfondite con degli immigrati Rumeni a Bologna, questo articolo analizza alcuni cambiamenti nel senso comune di questo gruppo di immigrati. La ricerca evidenzia alcune differenze notevoli tra auto-rappresentazioni degli immigrati e le loro pratiche di lavoro, come osservato in cantiere. Da un lato, i Rumeni si autodefiniscono «instancabili lavoratori» e sottolineano la propria appartenenza nazionale: dall'altro, la lealtà tra colleghi di lavoro indipendentemente dalla loro nazionalità e dal conflitto implicito ed esplicito con il datore di lavoro emerge durante l'osservazione sul posto di lavoro del lavoro di costruzione . Si è sostenuto che le autorappresentazioni siano influenzate da discorsi egemonici in materia di immigrazione, prodotto dalla società italiana (il discorso dell '«immigrato come & lavoratore» e il discorso multiculturalista), nonché da alcuni retaggi del sistema ideologico del governo di Ceausescu. Infine, le discrepanze all'interno e le resistenze a tali discorsi egemonici, reperibili nelle traiettorie migratorie degli immigrati Rumeni e nelle pratiche di lavoro, vengono discusse.

Migrazioni Rumene, egemonia, senso comune, costruzione.

Ciao e buon lavoro, Riverinflood