SEGUITEMI SU TWITTER

Cerca nel blog

domenica 16 novembre 2008

GRATTA E PERDI!


grattarsi i coglioni in pubblico è reato.
Un operaio di Como (del resto, chi altri se non un operaiaccio si gratta i maroni in pubblico) è stato condannato a 200 euro di multa più altri mille da dedicarsi alla cassa ammende (istituzione di cui prealtro ingoravo l'esistenza).

L'avvocato della difesa ha sostenuto che si trattava di porre rimedio a un fastidio provocato dal cavallo, ma nulla da fare.

Scrive la suprema Corte: "Il palpeggiamento dei genitali alla presenza di terze persone è manifestazione di mancanza di costumanza e di educazione in quel complesso concetto di regole comportamentali etico-sociali".

Pare che il reato si consumi anche quando la grattata ha valenza apotropaica.
A PROPOSITO BERLUSCONI NON SI ERA DEFINITO "IL PRESIDENTE OPERAIO?"

1 commento:

Ivo Serentha and Friends ha detto...

Domani questa foto la pubblico anch'io,sappiamo tutti quanti però che la legge non è uguale per tutti.

Saluti,Nico

Kenzo