SEGUITEMI SU TWITTER

Cerca nel blog

lunedì 28 febbraio 2011

giovedì 24 febbraio 2011

mercoledì 23 febbraio 2011

martedì 22 febbraio 2011

domenica 20 febbraio 2011

mercoledì 16 febbraio 2011

lunedì 14 febbraio 2011

sabato 12 febbraio 2011

venerdì 11 febbraio 2011

martedì 8 febbraio 2011

Caro Giovanni, compagno (si fa per dire compagno) al liceo sul versante politico opposto, dovresti sapere che in quel posto dove appesero il mascellone di Predappio con l'amante e compagnia bella, si fa per dire, vennero trucidate 15 persone e lasciate marcire lì. Erano in 15, accomunati dal desiderio di liberare la propria patria da...l giogo fascista e nazista, condivideranno non solo lo stesso carcere, San Vittore, ma anche la stessa orribile e ingiusta sorte. La mattina del 10 agosto 1944 vennero svegliati all'alba, ognuno aveva in tasca un bigliettino col proprio nome, era il segno della condanna a morte. Con la loro esecuzione i capi nazisti volevano compiere un gesto di rappresaglia per l'esplosione di una bomba in viale Abruzzi. Furono scelti a caso, stipati su un autocarro, condotti a piazzale Loreto e qui uccisi all'impazzata. Le salme vennero ammucchiate a terra e fu impedito qualsiasi gesto di omaggio da parte della popolazione e dei parenti. I cadaveri erano sorvegliati da militi fascisti, alcuni dei quali non paghi di aver scaricato il loro mitra su uomini indifesi e innocenti, si prendevano il privilegio di ridere istericamente davanti a quel mucchio di cadaveri ancora caldi. La fucilazione fu eseguita dalla G.N.R. e dalla " Muti" per appagare la sete di sangue di Teodor Emil Saevecke, all'epoca dei fatti comandante della polizia di sicurezza nazista. Era un potente gerarca del Terzo Reich, comandante dell'Aussenkommando di Milano, spietato governatore di San Vittore.

domenica 6 febbraio 2011

sabato 5 febbraio 2011