SEGUITEMI SU TWITTER

Cerca nel blog

venerdì 26 dicembre 2008

LIBERIAMOLI!


La prima volta che ho visto un Babbo Natale appeso ad un balcone era circa una decina di anni fa. Si trattava di una trovata molto artigianale: una famiglia aveva riempito un costume da Babbo Natale di carta e lo aveva messo in posa, come se stesse scavalcando la ringhiera del balcone. Avevo trovato carina e spiritosa l'idea. Ora non se ne può più.
Su ogni palazzo ci sono mediamente almeno 4 o 5 Babbi -peraltro affetti da palese nanismo- più o meno maldestramente appesi a finestre e balconi, già preconfezionati con scaletta di corda o appositi ganci. E restano appesi per un tempo infinito che va da fine novembre a a Pasqua inoltrata. Poi c'è anche chi, conscio che le intemperie e lo smog possono sporcare e danneggiare il prezioso pupazzo preconfezionato, lascia l'appeso ricoperto di busta di plastica trasparente. il massimo del cattivo gusto!
Voglio fondare il"Fronte di Liberazione dei Babbi Natale da Balcone" (FLBNB):un movimento goliardico naturalmente.
Più che babbi natali tra l'altro sembrano nani ladri vestiti di rosso che entrano negli appartamenti per svaligiarli. Liberiamoli e liberiamoci da questi obbrobri. Ero tentato di fondare il Fronte per l'olocausto dei babbi natale da balcone, ma mi sembrava troppo cruento.

3 commenti:

Enzo49 ha detto...

Purtroppo siamo diventati, o lo eravamo già, il paese dellescimmie (con tutto il rispetto per gli animali). L'iniziativa merita approfondimento.

Giò ha detto...

...c'è già qualcosina su Facebook

Carmela ha detto...

E' una terribile tradizione! Quei Babbi Natale sembrano piu' ladri che Babbi Natale. Esteticamente, poi, sono terribili. Abbasso con i Babbi Natale ai balconi!!